mercoledì 7 luglio 2010

Il tutto per tre

Certa musica l'aspetti, altra no, ma ti arriva comunque con una potenza incredibile, e spesso meraviglia. Prima ti avvolge e subito ti entra e il cuore batte allo stesso ritmo, passa per il sangue e prende il respiro, è inevitabile seguirla. Certe canzoni, magari sentite mille volte, le riesci ad ascoltare come fossero nuove. Le riesci a vedere. Tutto quello che nasce dalla pancia questa volta è libero di esprimersi. Siamo in molti, diversi, ma tutti li con la stessa intenzione. C'è energia, c'è sintonia. Il potere vero in quel momento lo hanno in pochi, in alto, basta una parola e parte a catena un obbedienza spontanea di migliaia, un obbedienza libera che nessuna religione ha mai conosciuto, e qualsiasi tiranno desidererebbe. Eppure sembrano potenti tutti anche noi li sotto. Il caldo non da fastidio quasi più, la pioggia neanche, anche se un po' la si teme.
E ci si gode ogni singolo momento, anche il più distratto, sapendo che certe cose non tornano, almeno fino alla prossima volta.

13 commenti:

  1. eh si la musica regala sempre emozioni :D

    RispondiElimina
  2. Sei andato a vedere qualche concerto? :)

    RispondiElimina
  3. Carissimo Ed, è forse perchè la musica riesce ad incanalare le sensazioni, magari perché come bersaglio, note ed emozioni hanno lo stesso punto della corteccia cerebrale? Chissà. Lo stesso universo è pieno di musica, così come la vita stessa... Lo sai che anche le stelle "suonano"? Vi ho intessuto una delle mie teorie fantascientifiche nel mio secondo libro dell'Altrodove: non è in fondo la musica il linguaggio universale per eccellenza?
    P.S. vedi che anch'io riesco a passare qualche volta^^

    RispondiElimina
  4. Arthur
    sempre :) ciao

    Maraptica
    Si e ti ho pensato, guarda qua...
    http://www.youtube.com/watch?v=9YsB2_ztepE
    non è un granchè come qualità ma i miei mezzi son quel che sono, ma so che ti piacciono, e ne hai tutte le ragioni :)

    Daniela,
    Ah questa non la sapevo, ma spiegherebbe molte cose. Sono d'accordo con te, il ritmo che sta alla base della musica è presente in natura sotto ogni forma, senza considerare tutto il resto, animali, cose, noi uomini e come dici tu l'universo. Pensa che proprio un paio di settimane fa sentivo sul tg di uno scienziato che ha portato le onde provocate dal sole a una frequenza udibile, incredibile i suoni e le melodie che ne escono. Non è che sei come Verne che quello che scriveva poi in qualche maniera si è avverato? :) te lo auguro di cuore.
    So che non mi perdi di vista.
    Ciaooo

    RispondiElimina
  5. Sai cosa mi è piaciuto di questo post?
    Un'espressione che hai usato:quando parli di "libera obbedienza"riassumi secondo me tutto cio che è musica.
    A presto
    Un bacio
    Vale

    RispondiElimina
  6. Lo sapevo cacchio, lo sapevo! Invidiaaaaaaaa! Maledetto ;)

    RispondiElimina
  7. Toc-toc...si può?
    Ciao caro...sono la nota dark di questo emisfero...giungo qui dal pianeta luna...mi adagio sul pentagramma dell'anima tua....
    ^___^
    Conosco quella dimensione...io vivo in quella dimensione...la musica è la mia amante...l'unica che non mi ha mai tradita...le sue corde risvegliano in me, ogni singola volta, ciò che sono, riportando a galla, emozioni sepolte...viva, più che mai...mi sento...in lei...scordo di avere la carne per abito...e vibro come un fascio di luce che emana lo spettro completo dei colori...
    La musica...mi ha sempre salvata...perchè la musica è il ritmo dell'anima...perchè la nostra energia è musica e la musica è energia....
    Bellissimo questo post...sei riuscito a farmi guardare dentro le tue emozioni!
    Sono tornata my dear...per restare!
    un bacio!

    RispondiElimina
  8. Vale,
    mi sa di si, mi è venuta così... sentita

    Maraptica,
    si dai ma tanto tornano ;)

    Dark,
    Porta sempre aperta per te. Credo di esserti molto vicino quando dici che la musica ti ha sempre salvata. Avevo già fatto questa citazione (non mi ricordo più di chi) che dice più o meno: dove le parole non arrivano, inizia a parlare la musica... soprattutto quella dal vivo :)

    Per me non sei mai andata via :) l'importante non è la frequenza, ma la qualità. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Ciao mio caro amico!!
    Passo per dirti che curiosità dal mondo non esiste più, se vuoi, mi trovi qui:
    http://pasticcio81.blogspot.com/
    Ti aspetto!!

    RispondiElimina
  10. Debora,
    ti vengo subito a trovare, così mi segno tra i tuoi seguaci ;)

    RispondiElimina
  11. Ciao Ormo!
    Condivido il tuo parere e le emozioni che esprimi così bene...
    La musica è una grande forza, qualcosa che inoltre, unisce le persone non solo "in concert", quindi in quel momento specifico, ma anche oltre e dopo.
    La musica è dunque (almeno per me) qualcosa che si estende nello spazio e nel tempo: anche dopo che il o i musicisti si siano ritirati o addirittura morti.
    La sua bellezza ed armonia continua e raggiunge persone che magari, quando fu scritta, non erano ancora nate.
    E' una sorta di macchina del tempo artistica, la signora!
    Molto interessante anche quel che scrive Daniela...
    @ Vale: ho scritto un post su "Il maestro e Margherita". Fatti vedere, ok?

    RispondiElimina
  12. Me ne sono accorto proprio ieri pomeriggio..ho messo un pezzo a ripetizione..in 10 minuti ho imparato il testo, e non finivo di cantarla..ogni parola usciva e rientrava dentro me con un effetto diverso..

    RispondiElimina