venerdì 14 maggio 2010

Da un archivio

Mi era stata data tempo fa non ricordo neanche da chi. Mi era talmente piaciuta e sentita mia che l'avevo messa in una cartella, e per caso, cercando altro, mi è ritornata fuori oggi.
Nulla di nuovo, ma certe cose si fa bene a rinfrescarle, così eccola qua!

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni
giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non
rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su
bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno
sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti
all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul
lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un
sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi
non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i
giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non
fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli
chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida
felicità.



Megacorrezione postuma al post (:P)
Mi correggo, il pezzo viene erroneamente attribuito a Pablo Neruda, in realtà è di Martha Medeiros, giornalista e scrittrice brasiliana nata nel 1961. Per fortuna che c'è qualcuno che mi ama e me lo ha fatto presente.

19 commenti:

  1. e adesso la metto anche io in una cartella!

    RispondiElimina
  2. Che strano ... L'ho mandata per mail a 3 persone, che pensavo avessero bisogno di capire. Di leggere. Di sapere. E poi la trovo nelle tue parole. E' come tirare una biglia bianca e quando ritorna ... è rossa.

    RispondiElimina
  3. Io adoro Neruda...
    E questa è una delle mie preferite, e con piacere vedo che fa parte anche di te!!
    Un abbraccione!!
    Debby

    RispondiElimina
  4. x Maraptica
    È un grande, però come ho corretto poco fa sul post, su suggerimento di Lei, non è sua. Rimane sempre un bel pezzo :)

    x Angela
    Eh si certe cose merita conservarle ;)

    x Asha
    L'importante è che quando ci torna, ci serva e magari proprio di colore rosso. Un bacio

    x Debora
    Si, condivido molte cose :)
    Questo pezzo sembra non sia di Neruda, come ho scritto nella correzione del post, poco male :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Era così bella che poteva essere tranquillamente sua! Brava la tua metà ;)

    RispondiElimina
  6. Chiunque l'abbia scritta ha toccato le corde di ogni cuore, Ormo.
    Un beso.

    RispondiElimina
  7. del resto, per morire, c'è sempre tempo...

    RispondiElimina
  8. La trovo meravigliosa!
    Grazie per la precisazione, ho pensato fino ad oggi che fosse di Neruda.
    A presto!

    RispondiElimina
  9. hai fatto bene atirarla fuori dall'archivio.Grazie.

    RispondiElimina
  10. x Maraptica
    in effetti ne eravamo convinti in molti :), poi di chi sia alla fin fine poco importa, l'importante è quello che trasmette.

    x Enne
    Si, di sicuro a me rileggerla ha fatto bene, mi sento di condividere, e cerco di mettere in pratica, molti punti.

    x Daniela
    Si e morire nel senso che dice il pezzo, è una cosa che non vorrei fare mai.

    x Lastregadiportobello
    Lo credevo anch'io, ma come dicevo sopra l'importante è il contenuto più dell'autore per me.

    x Kira
    esatto, e non è poco

    x Ale
    son d'accordo con te

    x Zelda
    Vedi che archiviare, e a volte accumulare cose, non è sempre male. E' un po' come faceva mio nonno metteva sempre in parte, e ogni tanto, come in questo caso, saltava fuori qualcosa di utile.

    RispondiElimina
  11. a tutti

    scusate se sono assentissimo ultimamente, ma son veramente preso. Tutto bene comunque :)

    RispondiElimina
  12. Le persone tornano. Ma come? Non lo so so. A volte sia ha solo voglia di morire. E a ragione. Sarebbe meglio non averli mai fatti entrare. Sarebbe meglio ...

    RispondiElimina
  13. http://piazzagiufa.blogspot.com/

    RispondiElimina
  14. @Ormoled: visto che va tutto bene, l'importante è che torni! Un bacione^^^

    RispondiElimina
  15. x Asha
    Sarebbe stato meglio. E che queste cose si sanno solo in quel di poi.

    x Daniela
    Grazie cara, spero di sbrigarmi :) un abbraccio

    x Bellavita
    sapevo che non sparivi dalla blogsfera, ci si poteva trovare comqunque su FB, ma vuoi mettere il blog? (ancora meglio se mi rimetto a frequentarlo :P) Un abbraccio

    RispondiElimina