venerdì 20 novembre 2009

Finalmente finito

Questo post l'ho iniziato più di un mese fa, osservavo il logo del mio blog, non so se mi rispecchia, ma a gennaio l'ho scelto perchè era un particolare di una foto di un panorama bellissimo e surreale che mi son trovato davanti in autostrada tra Bologna e Padova tornando da Arezzo, e evidentemente quella foto con quel velo di tristezza e bellezza assieme mi rappresentava in quel momento. Quel giorno, quando l'ho scattata, ero con Franz, tornavamo dall'umbria jazz winter. Franz l'ho conoscevo quando avevo quattordici anni, poi ha cambiato casa e ci siamo persi di vista fino a un anno fa. Come l'ho rivisto, sapevo che con lui avevo qualcosa a che fare, che c'era simpatia a prima vista (un po come mi succede con alcuni blogger). Difatti due o tre giorni dopo ci siamo messi a suonare, così per puro diletto. Era incredibile come il mio stile tendenzialmente funky, rock, a volte metal, si fondesse così bene con il suo stile cantautore italiano, ne veniva fuori qualcosa di strano e di bello, che mi sarebbe piaciuto portasse a un progetto, che poi non è mai partito, almeno per ora, perchè il buon Franz è partito per l'Australia. Il nostro genere comune è la bossa nova e ogni tanto ci si divertiva a suonare qualcosa. Un giorno Franz mi propone un giro di chitarra suonato da lui e mentre me lo fa sentire ci canticchia qualcosa che fa "bonga catanga catinga cataonga catanga cata ben ben". Scritto così forse non dice nulla ma è stato amore a primo ascolto. Ecco per me questa canzone è un po come uno di quei regalini che si fanno a un amico prima che parta per un viaggio, solo che l'ha fatto lui a me. La cosa bella è che quando ci si trovava a casa mia per suonare spesso io registravo. Ho recuperato il giro di chitarra che mi aveva proposto Franz, ho aggiunto due percussioni due e ho sostituito la parte canticchiata con lo xilofono. Non l'ho ne ritoccata ne remixata ne nulla e il risultato a me piace un sacco, mi da propio pace. Come direbbe Franz: "potente". Eccola.



Ps. il logo ormai in qualche modo lo sento mio, e me lo tengo così

13 commenti:

  1. Ciao!!!
    non so come tu sia finito sul mio blog ma mi ha fatto un grandissimo piacere trovere un tuo commento e vederti comparire tra i miei sostenitori...grazie! =)

    Sei un musicista?
    Il jazz mi piace molto, merito di una persona cara, un musicista, che me lo ha fatto conoscere ed apprezzare...

    Sai che ho capito cosa rappresentasse la tua foto solo nel momento in cui l'ho vista ingrandita nel tuo profilo? Prima mi era sembrata l'immagine di un'arteria che si ramifica in tanti capillari: rivoli di sangue su sfondo bianco. L'unico cosa che avevo azzeccato era la ramificazione ^^
    Bella però...a me piace!


    A presto,
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. P.S. non ho potuto ascoltare il brano che hai postato per problemini tecnici...appena capisco come avere di nuovo l'audio sul mio pc torno per ascoltarlo!!!!

    RispondiElimina
  3. Bravissimo!!!!!
    Sei una scoperta continua...davvero, quest'altro lato di te, restava ancora nascosto....
    Mi piace il brano....
    L'ho ascoltato più volte, immaginandoci un testo....
    Ed anche il video, molto elegante e raffinato!!!
    Complimenti!!!! sempre più contenta d'averti conosciuto!
    Un abbraccio musicale!

    RispondiElimina
  4. Che dire... il brano potrebbe diventare qualcosa di davvero bello (come la vostra amicizia del resto). Io aspetterei che torna Franz dall'Australia e ci rimetterei mano con lui!!! ;) Bravo

    RispondiElimina
  5. che bello tornare atrovarti, etrovare un post sulla musica e l'amicizia...cosa potevo trovare di meglio?Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. x Kiara
    Sai, non mi ricordo nel blog di chi (ho la memoria che ogni tanto fa quello che le pare :P), e ho letto un tuo commento, che mi ha incuriosito, sono andato sul tuo blog e mi è piaciuto quello che dicevi, così ho iniziato a seguirti.
    L'aspetto ramificazione mi piace, anche il fatto che possa essere vista come un'arteria in cui dentro scorre sangue (che poi per gli alberi è un po' così). Ci semtiamo presto. Ciao :)

    x Dark
    Ti dirò, ma a bassa voce, io ho solo messo insieme le cose con un po di cuore, il pezzo per la maggior parte è merito del buon Franz e le foto sono ben pensate e fatte da una persona in particolare, a cui per altro tengo molto.
    Sono molto contento anch'io di averti conosciuto, a presto. Ciao.

    x Maraptica
    Si, si non vedo l'ora che torni.
    ciao

    RispondiElimina
  7. x Zelda
    ciaooo! Di meglio c'è che sei passata a salutare no?
    Ciao :)

    RispondiElimina
  8. Bravi!
    Il pezzo è ben eseguito e, stranamente, è riuscito a mettermi addosso un pizzico di allegria.
    Però, se permetti, quell'avatar non ti rispecchia. A me fa venire in mente la malinconia più assoluta, e tu mi sembri l'esatto contrario.
    però fai bene a tenerlo, se lo senti tuo.
    Notte, Ormo. :-)

    RispondiElimina
  9. x Enne
    Oh guarda anche se solo un pizzico sono contento di averti messo un pizzico di allegria :)
    In effetti il logo così a se non è l'idillio dell'allegria, però ha un che di bello. E che cambiare immagine, almeno per me, non è così semplice se voglio mettere qualcosa che un minimo mi rappresenti.
    Ciao ;)

    x Daniele
    Oh Daniele, non dirmi che abbiamo fatto un plagio. C'è solo un passaggio verso la fine, mezza battuta, che in effetti richiama volutamente Corcovado di Joao Gilberto, ma vivo nella convinzione che sia un pezzo originale. Fammi sapere a cosa somiglia che me la vado a sentire :). Ciaooo

    RispondiElimina
  10. Ciao sono Edoardo, complimenti per il blog, mi piacerebbe uno scambio link con te. Ti propongo i miei due blog i cui link trovi sotto! Fammi sapere, a presto
    Edoardo Gentili Official Blog
    Galli-Gentili Official Blog

    RispondiElimina
  11. passo per un saluto.
    Buona domenica, Ormo.

    RispondiElimina