mercoledì 8 aprile 2009

Abbado e gli alberi

Ecco un uomo carismatico che sa con semplicità, calma e fermezza cambiare un pezzo del suo mondo, mi son detto quando ho letto questa notizia. Ok, non stiamo parlando di uno qualsiasi, di un perfetto nessuno che ha fatto la voce grossa, si parla di Abbado, uno dei grandi Maestri dei nostri tempi, uno che ha attorno a se ha tanta stima ed è esposto come personaggio. Però secondo me mettere in parte il propio ritorno personale è sempre difficile soprattutto a certi livelli. Quando gli hanno proposto di tornare alla scala, il Maestro poteva chiedere un sacco di soldi, li avrebbe probabilmente avuti, poteva avere altre pretese o poteva semplicemente dire no e basta (se propio non voleva tornare a dirigere in quel palco), invece ha voluto portare l'attenzione sul territorio, con un progetto enorme ma fattibile. Ha chiesto, con tutta semplicità e calma, di far piantumare 90000 alberi a Milano, vuol dire il 50% delle piante esistenti al momento in città. Ho pensato che forse c'erano cose più utili da chiedere, ma anche questa in fondo è una gran buona cosa che può smuovere il senso civico dei cittadini. Il comune, all'inizio aveva detto no e insisteva sul decidere altri compensi, alla fine ha ceduto e detto di si, non solo, molti vivaisti hanno offerto delle piante da piantumare. Sembrava una cosa impossibile da chiedere e ottenere invece ci è riuscito. Mitico. Molte volte la semplicità e la calma unite a una grossa fermezza di idee fanno molto.

3 commenti: